Il sacrificio di Eluana Englaro

Dio c\’è ed Eluana è fatta a Sua immagine somiglianza. Per i massoni e i neomalthusiani, invece, è solo un \”peso morto\” di rifiuto umano, da sacrificare come un animale, proprio come facevano gli antichi pagani e gli Azteca. Quando un Azteca faceva un prigioniero gli diceva: \”Chi sono io per te!\”- Tu sei per me padre, rispondeva, il malcapitato. Dopo di che \”il padre\” strappava il cuore dal petto del figlio!\” Mamma Lucia di Cava Dei Tirreni (SA) chiamava \”belli figli di mamma\” i resti dei poveri soldati della seconda Guerra Mondiale che ella andava a recuperare sui monti e pianure intorno a Salerno, anche a costo della vita, invece Peppino Englaro, per amore, vuole ammazzare la figlia!

Questa voce è stata pubblicata in Articoli e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Il sacrificio di Eluana Englaro

  1. tina scrive:

    non ci sono parole per questo…individuo non merita essere chiamato (padre)sta ammazzando quella povera LUANA.che tutti noi stimo soffrendo insieme a lei, e la mamma dov’è,dov’è? O’ tanta speranza in DIO che da un momento all’altro apre una finestra per LUANA. ciao LUANA ti vogliamo tanto BENE

  2. franca maria scrive:

    se LUANA avesse avuto, due genitori come tante altre, anzicchè pensare e lottare per ANNI! come sbarazzarsene di LUANA,lavrebbero curata amorevolmente a questora la situazione per la povera LUANA era molto….ma molto diversa.purtroppo sfortunata DUE volte!!!!!!! ti voglio salutre come la tua grande!!! SUORA che abbiamo visto è notato il grande amore per tè . ciao LUANA ti vogliamo BENE

  3. mario scrive:

    La redazione di Tgcom ha ricevuto questa lettera da Pietro Crisafulli (fratello di Salvatore che nel 2005 si risvegliò dopo due anni di stato vegetativo nel quale era caduto dopo un grave incidente stradale) e ha deciso di pubblicarla integralmente:

    “Le bugie del padre Beppino”

    In questi giorni di passione e sofferenza, nei quali stiamo seguendo con trepidazione il “viaggio della morte” di Eluana Englaro, non posso restare in silenzio di fronte a un evento così drammatico.

    Era il maggio del 2005 quando per la prima volta ho conosciuto Beppino Englaro. Eravamo entrambi invitati alla trasmissione “Porta a Porta”. Da quel giorno siamo rimasti in contatto ed amici, ci siamo scambiati anche i numeri di telefono, per sentirci, parlare, condividere opinioni. Nel marzo del 2006 andai in Lombardia, a casa di Englaro, in compagnia di un conoscente . Dopo l’appello a Welby da parte di Salvatore, Beppino capì che noi eravamo per la vita. Da quel momento le strade si divisero.

    All’epoca anch’io ero favorevole all’eutanasia. Facemmo anche diverse foto insieme, e visitai la città di Lecco. Nella circostanza Beppino Englaro mi fece diverse confidenze, tra le quali che i rappresentanti nazionali del Partito Radicali erano suoi amici. Ma soprattutto, mentre eravamo a cena in un ristorante, in una piazza di Lecco, ammise una triste e drammatica verità.
    Beppino Englaro si confidò a tal punto da confessarmi, in presenza di altre persone, che ‘non era vero niente che sua figlia avrebbe detto che, nel caso si fosse ridotta un vegetale, avrebbe voluto morire’. In effetti, Beppino, nella sua lunga confessione mi disse che alla fine, si era inventato tutto perché non ce la faceva più a vederla ridotta in quelle condizioni. Che non era più in grado di sopportare la sofferenza e che in tutti questi anni non aveva mai visto miglioramenti. Entro’ anche nel dettaglio spiegandomi che i danni celebrali erano gravissimi e che l’unica soluzione ERA FARLA MORIRE e che proprio per il suo caso, voleva combattere fino in fondo in modo che fosse fatta una legge, proprio inerente al testamento biologico.

    In quella circostanza anch’io ero favorevole all’eutanasia e gli risposi che l’unica soluzione poteva essere quella di portarla all’estero per farla morire, in Italia era impossibile in quanto avevamo il Vaticano che si opponeva fermamente.

    Ma lui sembrava deciso, ostinato e insisteva per arrivare alla soluzione del testamento biologico, perché era convinto che con l’aiuto del partito dei Radicali ce l’avrebbe fatta. (…)

    Questa è pura verita’. Tutta la verita’. Sono fatti reali che ho tenuto nascosto tutti questi anni nei quali comunque io e i miei familiari, vivendo giorno dopo giorno accanto a Salvatore, abbiamo fatto un percorso interiore e spirituale. Anni in cui abbiamo perso la voce a combattere, insieme a Salvatore, a cercare di dare una speranza a chi invece vuol vivere, vuol sperare e ha diritto a un’assistenza e cure adeguate. E non ci siamo mai fermati nonostante le immense difficoltà e momenti nei quali si perde tutto, anche le speranze.

    E non ho mai reso pubbliche queste confidenze, anche perché dopo aver scritto personalmente a Beppino Englaro, a nome di tutta la mia famiglia, per chiedere in ginocchio di non far morire Eluana, di concedere a lei la grazia, fermare questa sua battaglia per la morte, pensavo che si fermasse, pensavo che la sua coscienza gli facesse cambiare idea. Ma invece no. Lui era troppo interessato a quella legge, a quell’epilogo drammatico. La conferma arriva, quando invece di rispondermi Beppino Englaro, rispose il Radicale Marco Cappato, offendendo il Cardinale Barragan, ma in particolare tutta la mia famiglia. Troverete tutto nel sito internet http://www.salvatorecrisafulli.it

    Noi tutti siamo senza parole e crediamo che il caso di Eluana Englaro sia l’inizio di un periodo disastroso per chi come noi, ogni giorno, combatte per la vita, per la speranza.
    Per poter smuovere lo stato positivamente in modo che si attivi concretamente per far vivere l’individuo, non per ucciderlo.

    Vorrei anche precisare che dopo quegli incontri e totalmente dal Giugno del 2006, fino a oggi, io e Beppino Englaro non ci siamo più sentiti nemmeno per telefono, nonostante ci siamo incontrati varie volte in altri programmi televisivi”

    Pietro Crisafulli

    Preciso che sono in possesso anche di fotografie che attestano i nostri vari incontri.

    Catania, 04 Febbraio 2009

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *