7 febbraio 2009 -DA PADRE PADRONE BUGIARDONE A PRESIDENTE PADRE MASSONE

18.15- Il padre di Eluana, Beppino Englaro, attraverso un comunicato reso noto dall’avvocato della famiglia Englaro, Vittorio Angiolini, ha invitato il premier e il capo dello Stato a visitare la figlia. «Sono il tutore di Eluana Englaro, ma in questo momento parlo da padre a padre, rivolgendomi al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ed al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, per invitare entrambi, ed essi soli, a venire ad Udine per rendersi conto, di persona e privatamente, delle condizioni effettive di mia figlia Eluana, su cui si sono diffuse notizie lontane dalla realtà che rischiano di confondere e deviare ogni commento e convincimento».

QUALI SONO QUESTE NOTIZIE. ELUANA E’ UNA BELLA RAGAZZA MITE, DOLCE, CHE  SCIA, PIENA DI VITA, DI GIOIA.

Non ce la siamo inventata noi! E‘ stato Riotta (brodaglia per maiali), il condizionatore mentale, che ce l’ha mostrata così, mentre parlava – per ultima – la “brava” di Bra degli Agnelli, amici di Rockefeller -, e nel contempo scorrevano le immagini della nostra bellissima ed amatissima Eluana, non più Englaro, ma Cappato handi. E dopo il lavaggio ha fatto anche il sondaggio. Che maiali lui e i suoi giornalisti!Evviva Eluana! Baci baci baci a te Eluana, vittima dei “mattoni” massoni!

Poi ce l’hanno voluta togliere dalla testa, hanno cambiato strategia e volevano farcela credere piena di piaghe da decubito, devastata, irriconoscibile! Demoni! Ma stavolta la ciambella radicale è senza il buco, e  si è rivelata un boomerang. Englaro, Cappato, Bonino, De Monte demente sono bugiardi!

L’autopsia dice che ha un peso normale ed il cervello pure nella norma. Il cervello dei giudici e dei giornalisti che l’hanno uccisa e poi hanno festeggiato, invece, è tarlato!

E  ora Peppino, padre massone, mattone bugiardone deve pagare per le sue menzogne assassine!


Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *