14 febbraio 2011 – San Valentino – Festa degli Innamorati

Tg1 ore 20 – San Valentino nel mondo – S’incomincia dalla Tailandia con una coppia di giovani che si baciano per 24 ore, minuto più, minuto meno, ma alla Tailandia, si sa, nell’immaginario collettivo si associa il turismo sessuale, per cui il bacio tra due innamorati è roba squallida da terzo mondo. Poi si continua, adesso non ricordo, con quali altri Paesi sempre più evoluti, per approdare, dulcis in fundo,  alla “civile” Inghilterra: ” ….sì, ma gli inglesi preferiscono gli animali!!!!!”

Cosa hanno voluto dirci o meglio inculcarci con con questo condizionamento mentale i massoni della Rai, che guardano sempre all’Inghilterra, e almeno una volta al giorno nei Tg trovano il pretesto per parlare di  essa? Forse ci hanno voluto mettere in testa che provare amore per un animale, un cane, un gatto, è civile, moderno, mentre l’amore per e tra un uomo e una donna è roba da terzo mondo?  Che noi Italiani saremmo degl’incivili (Tailandesi) fino a quando non amiamo un gattino, un cagnolino, un coniglietto, un porcellino, un rospino più di un uomo o di una donna, come fanno gli Inglesi, quelli sì civili?.  Ma se l’uomo è addirittura inferiore agli animali, perché avere da ridire allora se si fanno fuori i vecchi decrepiti, gli ammalati terminali, le Terry Schiavo, le Eluana Englaro? Forse che non facciamo lo stesso con un  volatile con la peste aviaria? Mica siamo così arretrati da considerare l’uomo superiore ad un animale, quando i “civili” Inglesi lo considerano inferiore ad esso?

A proposito d’inferiorità, c’è stato un certo Adolph Hitler, che già considerava gli uomini inferiori agli animali, non per nulla proibì la vivisezione sugli animali, mentre approvò  quella sugli Ebrei. Vuoi vedere che in Rai ci sia qualche Furher redivivo, intenzionato a condurre gli Italiani verso la civiltà…dell’eutanasia dei bambini handicappati, dei mutilati, dei matti, dei lager, della Shoah?

Questa voce è stata pubblicata in Articoli. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *