Confisca dei beni e 41bis ai neomalthusiani che attentano alla nostra vita e alla nostra libertà.

Nel 1976 in occasione delle elezioni legislative a Napoli andavo da solo, pure di notte e nelle zone rosse della città ad affiggere manifesti della DC e dei Comitati Civici per contrastare l’avanzata del Comunismo e salvaguardare così la libertà e per impedire che  fosse eletta una maggioranza parlamentare che poi votasse l’aborto.  Nel 2007 scrissi a Bertinotti, allora presidente della Camera, per dirgli  che mi ero rivolto al segretario di Rifondazione Comunista del mio paese, per collaborare con lui contro “i poteri forti” e dissi chi erano e cosa volevano. Lui rispose dicendo che “Si tratta di valutazioni che manifestano un punto di vista differente dal mio… “ Chissà cosa intendesse mai con “poteri forti”!? Boh!?  Io ero terrorizzato e ne avevo ben donde dalla Piovra neomalthusiana de “I Signori del Mondo” e dai loro folli progetti di controllo demografico (attraverso la pianificazione familiare – contraccezione, sterilizzazione, aborto- l’eliminazione del matrimonio e della famiglia, l’ incremento della omosessualità, la confusione sessuale – gender-,  la depressione cronica, la creazione e gestione di crisi economiche mondiali, la eliminazione dei “pesi morti dei rifiuti umani”) e di creazione di un Nuovo Ordine Mondiale e di un Unico Governo Mondiale. Pensavo e penso che fosse necessaria una coalizione mondiale contro questi folli dittatori  del pensiero unico, così come lo fu quella contro il nazismo nella Seconda Guerra Mondiale.   Non s’è fatto niente contro costoro, si è lasciato loro mano libera ed ora questa folle legge liberticida contro l’omofobia, copiata da quella contro la blasfemia del Pakistan! Così dopo 75 anni si rischia di perdere di nuovo la libertà!

Visto che questi feroci neomalthusiani  – non vorrete mica pensare che siano Zan, Scalfarotto e Boldrini la mente di questa legge anti costituzionale?  essi sono solo il braccio – usano metodi intimidatori, proprio dei mafiosi, per farci accettare, pena la galera,  le loro follie  sul numero dei sessi, sul matrimonio, su padre e madre e sulla famiglia, ritengo sia necessario difendersi con gli stessi mezzi usati contro la mafia: confisca dei beni e 41bis. Credo che se gli Agnelli, i De Benedetti, i Benetton, i Caltagirone e i loro soci italiani e stranieri in Malthus – solo   loro e non ovviamente tutti gli iper ricchi d’Italia e del Mondo –  si vedono tintinnare le catene e materializzarsi davanti ai loro occhi la miseria credo che si guarderanno bene dal minacciarci e dal continuare a compiere altri disastri nazionali e mondiali!

I reati che si possono contestare a costoro sono tutti ben descritti nel codice penale, non come quelli contro l’omofobìa, pardon omosfemìa!

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *